Base legale per la carcerazione di sicurezza nel quadro di una procedura successiva in vigore il 1° marzo 2021

Berna, 18.12.2020 - La base legale per ordinare la carcerazione di sicurezza nel quadro di una procedura successiva, adottata dal Parlamento nella sessione autunnale del 2020, entrerà in vigore il 1° marzo 2021. Il Consiglio federale lo ha deciso nella riunione del 18 dicembre 2020. Le nuove disposizioni colmano una lacuna legislativa e impediscono che autori di reato pericolosi debbano essere rimessi in libertà.

Nella cosiddetta procedura successiva un giudice decide se durante l'esecuzione della pena una misura privativa della libertà nei confronti di un autore di reato debba essere prolungata o sostituita da un altro provvedimento analogo. Se necessario per proteggere la popolazione, la persona condannata deve poter essere messa in carcerazione di sicurezza fino alla decisione del giudice. Finora in Svizzera mancava una base legale esplicita a tal fine. Secondo la giurisprudenza del Tribunale federale, in questi casi i giudici potevano tuttavia applicare per analogia le disposizioni vigenti sulla carcerazione di sicurezza nei procedimenti penali in corso. In una sentenza del dicembre 2019 contro la Svizzera, la Corte europea dei diritti dell'uomo (Corte EDU) aveva però constatato che a tal fine era necessaria una base legale esplicita e che quindi la prassi del Tribunale federale non era lecita.

La creazione di una pertinente base legale era prevista nella modifica del Codice di procedura penale attualmente discussa in Parlamento. Per colmare quanto prima la lacuna legislativa, il Parlamento ha estrapolato dal progetto di legge la base legale per la carcerazione di sicurezza nel quadro di una procedura successiva trattandola separatamente.

Il Consiglio federale ha ora deciso di porre in vigore la nuova base legale il 1° marzo 2021, sempreché non riesca il referendum. Il termine di referendum scade il 14 gennaio 2021.


Indirizzo cui rivolgere domande

Franziska Zumstein, Ufficio federale di giustizia, T +41 58 463 50 12, franziska.zumstein@bj.admin.ch


Pubblicato da

Dipartimento federale di giustizia e polizia
http://www.ejpd.admin.ch

Ufficio federale di giustizia
http://www.bj.admin.ch

Il Consiglio federale
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale.html

Ultima modifica 11.06.2020

Inizio pagina

Abonnarsi ai comunicati

https://www.fedpol.admin.ch/content/bj/it/home/aktuell/mm.msg-id-81692.html